Close

Attività e Notizie

Dean Martin, l’amico italiano

Dean Martin, l’amico italiano

mercoledì 13 dicembre 2017, ore 17.30

al Museo Biblioteca dell’Attore

Via del Seminario 10, Genova, quarto piano

Claudio BERTIERI, Roberto LASAGNA, Saverio ZUMBO

presentano il volume

DINO

l’amico italiano – vita e carriera di Dean Martin

di Mario Galeotti

Falsopiano Editore

Sarà presente l’Autore

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti

Mercatino di Natale

Mercatino di Natale

ghirlanda-dell-agrifoglio-di-natale-17457426

Mercatino di Natale

da martedì 12 dicembre 2017 fino al 31 gennaio 2018.

Vendita straordinaria dei volumi doppi e delle pubblicazioni del MBA.

Il ricavato verrà destinato all’acquisto di nuovi volumi per la Biblioteca.

Dal lunedì al venerdì 8.30-13.00

e durante gli incontri pomeridiani al

Museo Biblioteca dell’Attore

via del Seminario 10, terzo piano.

 

“Qui comincia l’avventura…” 100 anni del Signor Bonaventura

“Qui comincia l’avventura…” 100 anni del Signor Bonaventura

Con la mostra che inaugura giovedì 16 novembre alle ore 18.00, il Museo Biblioteca dell’Attore intende celebrare i 100 anni di “vita” del Signor Bonaventura disegnato da Sergio Tofano, in arte Sto.

Era infatti il 28 ottobre 1917 quando il signor Bonaventura, con la sua palandrana rossa e il fido bassotto fece la sua prima apparizione sul Corriere dei Piccoli, piombando maldestramente addosso ad un malcapitato ladro e sulla refurtiva, ottenendo così una medaglia, premio che presto diventerà il famoso milione.

Da allora grandi e piccini per circa cinquant’anni hanno seguito con gioia le rocambolesche avventure di questo simpatico e fortunato personaggio.

I versi in rima baciata che fanno da didascalia ai disegni sono ben più che semplici filastrocche. Un’intera generazione ne ha imparato a memoria i testi che iniziavano immancabilmente con: «Qui comincia l’avventura/sventura/sciagura del signor Bonaventura…».

Nel 1927 il signor Bonaventura dalle tavole del Corriere dei Piccoli sale sulle tavole del palcoscenico. Il personaggio diventa protagonista di sei commedie scritte e interpretate da Tòfano stesso: Qui comincia la sventura del signor Bonaventura (1927), La regina in berlina con Bonaventura staffetta dell’Ambasciatore (1928), Una losca congiura ovvero Barbariccia contro Bonaventura (1929), L’isola dei pappagalli con Bonaventura prigioniero degli antropofagi (1936), Bonaventura veterinario per forza (1948), Bonaventura precettore a corte (1953), mentre nel 1942, con la regia di Tofano, viene realizzato il film Cenerentola e il Signor Bonaventura in cui è Paolo Stoppa l’interprete principale.

La mostra realizzata con i documenti originali conservati nel Fondo Tofano, donato dal figlio Gilberto nel 1979 al Museo Biblioteca dell’Attore, espone la prima tavola pubblicata sul Corriere dei Piccoli, il costume indossato in scena da Tofano, disegni, foto, molte curiosità legate alla figura di Bonaventura e alcuni preziosi volumi.

Accanto al costume di Bonaventura saranno esposti alcuni quadri realizzati dall’artista genovese Carla Albertella ispirati al personaggio ideato da Sto.

Sergio Tòfano (1886-1973) nasce a Roma dove compie gli studi fino a conseguire la Laurea in Lettere. Inizia a lavorare come disegnatore autodidatta, per Il Giornalino della Domenica di Vamba nel 1908 e per Il Corriere dei Piccoli nel 1909; oltre a Bonaventura per il  Corrierino ha creato anche “La Vispa Teresa” (1921) e “Taddeo e Veneranda” (1925). Collabora con diverse riviste, realizza le tavole per Il Cantastorie di Campari e molti altri volumi illustrati.

Come attore esordisce con Ermete Novelli (1909) passando successivamente con Virgilio Talli (1913-1923), in seguito diventa capocomico di numerose compagnie primarie. Ha insegnato all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica di Roma dal 1951 al 1968. Sposato con Rosetta Cavallari (1902-1960) attrice, pittrice, scenografa e costumista ha avuto un figlio, Gilberto.

Lele Luzzati ha detto: “Mi sono sentito dire che ho subito l’influenza di Rouault o di Chagall, di Bakst o delle stampe popolari, ecc., può essere tutto vero; non sta a me giudicare ci sono troppo dentro! Ma so di sicuro che senza Bonaventura non avrei fatto quello che faccio”.

La mostra resterà aperta fino al 16 gennaio 2018.

Invito Signor Bonaventura 16_11_2017 001

Teatro Ebraico, Teatro Yiddish fra Vienna, Varsavia e Genova

Teatro Ebraico, Teatro Yiddish fra Vienna, Varsavia e Genova

8 novembre 2017
INCONTRO INTRODUTTIVO
Giuseppe Momigliano (Rabbino Capo di Genova):
Teatro ed Ebraismo, dal pensiero rabbinico tradizionale ai
nuovi fermenti della moderna ortodossia in Israele
Raffaele Esposito (Università Orientale di Napoli):
Teatro ebraico e rinascita linguistico-nazionale: un intreccio
indissolubile

15 novembre 2017
Antonio Attisani (Università di Torino):
Tutto era musica. Invito all’incontro con il teatro yiddish

22 novembre 2017
Roberto Cuppone (Università di Genova):
Lea Lebowitz: Alessandro Fersen e la Compagnia Italiana
del Teatro Ebraico. Con la partecipazione di Danièle Sulewic

29 novembre 2017
Michaela Bürger- Koftis (Università di Genova):
Teatro ebraico e yiddish nella Vienna di ieri e di oggi.
Incontro con Frederic Lion, direttore del Teatro Ebraico di
Vienna Hamakom

6 dicembre 2017
Laura Quercioli (Università di Genova):
Il Dibbuk e il Golem. Fra tradizione e psicanalisi, due
simboli ebraici e universali

Orario: 17,00 – 18,30

al Museo Biblioteca dell’Attore, via del Seminario 10, quarto piano, Genova

locandina teatro yiddish (2)

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti

19 ottobre – Open Day – Govi al Museo dell’Attore

19 ottobre – Open Day – Govi al Museo dell’Attore

Govi volantino1 19 ottobre 2017

Gilberto Govi al Museo Biblioteca dell’Attore

Il prossimo 19 ottobre 2017 il Museo Biblioteca dell’Attore presenterà alla città di Genova la definitiva sistemazione, nei rinnovati e splendidi locali di Via del Seminario 10, dello studio appartenuto a Gilberto Govi.

Lo Studio Govi, dopo una trentennale provvisoria collocazione al Museo di Sant’Agostino, ha finalmente trovato la sua destinazione definitiva, come da volere testamentario di Rina Govi.

La mostra su Gilberto Govi tenuta alla Loggia di Banchi nella primavera-estate del 2016 ha avuto oltre 30.000 visitatori, con innumerevoli richieste per farla diventare un’esposizione permanente: questo grande entusiasmo, dimostrato dai genovesi e da molti turisti attirati nella circostanza, ha dato, se fosse stato necessario, la conferma che questo Studio andava restituito, rendendolo agevolmente fruibile, alla cittadinanza e a tutti coloro che amano il teatro, la cultura, la storia di Genova.

Il 19 ottobre sarà quindi un giorno di Festa per il Museo Biblioteca dell’Attore e per tutti coloro che vorranno partecipare a questo momento. L’apertura sarà ininterrotta, dalle ore 10 alle ore 19.

Alle ore 10.00 si darà inizio alle visite guidate allo Studio e al Museo da parte del personale.

A partire dalle ore 15.00 e fino alle ore 17.00 le visite saranno arricchite da brani del repertorio goviano recitati da Giunio Lavizzari Cuneo e alcuni attori delle compagnie teatrali Genova Spettacoli e Gilberto Govi, regia di Riccardo Canepa.

Alle ore 17.00 verrà presentato il volume Gilberto Govi cinquant’anni dopo, a cura di Eugenio Buonaccorsi, appena uscito per le edizioni De Ferrari, che rispecchia fotograficamente l’allestimento della mostra, documenta la consegna del Premio Govi 2016 a Luca Zingaretti, pubblica un corposo saggio critico del curatore e raccoglie i contributi di una tavola rotonda sul grande attore genovese animata da noti esperti della materia : Vito Molinari, Lorenzo Coveri, Roberto Cuppone, Claudio Bertieri, Piero Campodonico, Giulio Baffi, Silvana Zanovello, Giunio Lavizzari, Jurij Ferrini, Mauro Pirovano e Gian Domenico Ricaldone.

Alla presentazione, oltre al curatore Eugenio Buonaccorsi, interverranno Alberto Beniscelli, Direttore del DIRAAS dell’Università di Genova; Roberto Iovino, Direttore del Conservatorio Niccolò Paganini; Franco Bampi, Presidente dell’associazione “A Compagna”; Angelo Pastore, Direttore del Teatro Stabile di Genova.

Porteranno il loro saluto all’iniziativa l’Assessore alla Cultura della Regione Liguria, Ilaria Cavo, l’Assessore alla Cultura del Comune di Genova, Elisa Serafini, e il Presidente del Museo Biblioteca dell’Attore, Eugenio Pallestrini.

Copertina volume Govi 001

Canti rovesciati stonati & stralunati

Canti rovesciati stonati & stralunati

Lunedì 2 ottobre 2017, ore 17.30

CANTI ROVESCIATI STONATI E STRALUNATI

Conversazione musicale con Nicola Ferrari e il Coro Polifonico Santa Maria di Bogliasco

Nell’ambito del Convegno Internazionale “Centouno anni di straniamento“, Università degli Studi di Genova, 2/3 ottobre 2017.

In collaborazione con Fondazione Giorgio e Lilli Devoto.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti.

Tre Conversazioni su William Shakespeare di Luigi Giannitrapani

Tre Conversazioni su William Shakespeare di Luigi Giannitrapani

 

al Museo Biblioteca dell’Attore, via del Seminario 10, Genova, quarto piano

 

seconda conversazione

giovedì 16 febbraio 2017 – ore 17,30

“Il teatro nel teatro nei drammi di Shakespeare”

Nei drammi di Shakespeare vi è spesso la rappresentazione del meta-teatro,

ovvero del teatro nel teatro, sia come duplicazione dell’azione drammatica

che come duplicazione dei ruoli dei personaggi principali.

 

prossimo appuntamento

giovedì 16 marzo 2017 – ore 17,30

“Il mistero dei Sonetti di Shakespeare: autobiografia o esercitazione poetica?”

 

La prima conversazione dal titolo Shakespeare e l’Allegoria del Mare” si è tenuta giovedì 12 gennaio 2017.

 

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti.

 

Vite travolte. Monologhi teatrali 1915 -1918

Vite travolte. Monologhi teatrali 1915 -1918

giovedì 2 febbraio 2017, ore 17.30

al Museo Biblioteca dell’Attore, Via del Seminario 10, Genova, quarto piano

 

presentazione del volume

VITE TRAVOLTE. Monologhi teatrali 1915 – 1918

di Anita Ginella, prefazione di Giordano Bruno Guerri, Erga Edizioni

 

Partecipano:

Francesco De Nicola (Università di Genova)

Maria Teresa Caprile (Università di Genova)

Federico Buffoni (Il Secolo XIX)

Paolo Drago (Lunaria Teatro)

 

In collaborazione con: Il Vittoriale degli Italiani

 

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti

Leggi tutte le notizie