Close

Attività e Notizie

Un Galileo a Milano

Un Galileo a Milano

Giovedì 19 aprile 2018, ore 17,30 al Museo Biblioteca dell’Attore

Via del Seminario 10, Genova, quarto piano

 

Presentazione del volume

Un Galileo a Milano, di Massimo Bucciantini, Edizioni Einaudi, 2017

 

Alla presenza dell’autore, intervengono:

Eugenio Pallestrini, Presidente del Museo Biblioteca dell’Attore

Marco Sciaccaluga, consulente artistico del Teatro Stabile di Genova

Eugenio Buonaccorsi, storico del teatro

 

Letture drammatizzate di brani tratti dalle opere di Brecht, a cura di Massimo Mesciulam e Gianmarco Mancuso, con la collaborazione della Scuola di Recitazione “Mariangela Melato” del Teatro Stabile di Genova.

 

Canzoni di Brecht/Weill interpretate da Renata Ghiso.

 

Vita di Galileo di Brecht, andato in scena al Piccolo Teatro di Milano nel 1963 con la regia di Giorgio Strehler, non è stato solo uno degli spettacoli più ammirati della seconda metà del Novecento. Esso ha imposto stabilmente il drammaturgo tedesco sulle scene italiane e ha inaugurato un modo di rappresentarlo per molto tempo considerato un modello. Questa straordinaria avventura artistica ha avuto una lunga gestazione, che, accanto a Strehler e Paolo Grassi fondatori del Piccolo, ha visto protagonista in una prima fase anche Ivo Chiesa, destinato a diventare direttore del Teatro Stabile di Genova, dove, con i registi Luigi Squarzina prima e Marco  Sciaccaluga poi, ha prodotto alcuni dei più significativi allestimenti brechtiani in Italia, interpretati fra gli altri da Lina Volonghi e Eros Pagni.

 

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti.

Macario, una maschera del ‘900

Macario, una maschera del ‘900

Giovedì 12 aprile 2018, al Museo Biblioteca dell’Attore di Genova è stata inaugurata una mostra documentaria su un grande artista del ‘900, Erminio Macario, resa possibile grazie alla dedizione e alla fattiva volontà del figlio Mauro.

La Mostra, allestita nella sala di lettura del Museo Biblioteca, è a ingresso libero e durerà fino al 28 settembre 2018.

Gli orari di apertura sono: lunedì, mercoledì e giovedì dalle 8,30 alle 16,00; martedì e venerdì dalle 8,30 alle 14,00.

Visite guidate per gruppi su richiesta.

I documenti esposti rievocano in particolare  un periodo magico del Teatro Italiano un po’ sottovalutato e dimenticato, quello della Rivista, di cui Macario fu un interprete indimenticabile e meraviglioso. Foto, manifesti, locandine, programmi di sala, testimoniano la sua fervida attività e illustrano anche il Macario attore di prosa e di cinema, regista, talent scout.

Erminio Macario (Torino, 27 maggio 1902 – ivi, 26 marzo 1980) è considerato nella storia dello spettacolo del ‘900, una maschera teatrale, cioè una figura comica che discende dalla Commedia dell’Arte in ambito moderno. Si tratta di un personaggio che, per stile e vocazione, è più sensibile a certi richiami francesi di stampo surreale che al consueto realismo italiano. E’ un Pierrot lunaire.  Appare come una figuretta mite, naif, funambolica, che attinge all’umorismo dell’assurdo, al nonsense, alle analogie impossibili; un pupazzo mosso dai fili di una fantasia talvolta soffusa di poetico candore. Elegante nella sua gestualità di folletto danzante,  fulmineo nella battuta, dotato di un linguaggio mimico di raffinata efficacia espressiva, è il solo comico italiano che ritroviamo trasfigurato nel mondo delle vignette. Attore, regista, autore, attraversa generi e discipline artistiche intercomunicanti:  il teatro di rivista, la prosa, il cinema, la televisione. Lavora ininterrottamente dagli anni Venti fino al 1980, data in cui il sipario si chiude sulla sua avventura scenica e umana.

Macario Mondaini 001

Macario con Sandra Mondaini

Morlacchi Editore dona volumi al Museo

Morlacchi Editore dona volumi al Museo

Il Museo dell’Attore ringrazia l’Editore Morlacchi e il prof. Alessandro Tinterri per il dono dei volumi della Collana Spettacolo!

Morlacchi Editore 001

La drammaturgia di Paolo Puppa

La drammaturgia di Paolo Puppa

Tra Venezia e Saturno. La drammaturgia di Paolo Puppa

incontro con l’autore (verso un nuovo teatro universitario di Genova)

Giovedì 15 marzo 2018

Museo Biblioteca dell’Attore di Genova

(via del Seminario 10, quarto piano – vicino Biblioteca Berio)

——

ore 15,00

Seminario di scrittura teatrale condotto da Paolo Puppa

per Il Falcone – genuacut e gli studenti di Drammaturgia

introduce Roberto Cuppone (Università di Genova)

(l’incontro è aperto al pubblico)

——

ore 17,00

Altre scene

performance di Paolo Puppa

presenta Alberto Beniscelli (Università di Genova)

introduce Stefano Verdino (Università di Genova)

lettura drammatizzata di

Caco

(dalla raccolta Cronache Venete, ed. Titivillus)

Giacobbe 2014

(dalla raccolta Altre scene, ed. Titivillus)

——

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti

“Paralleli Tragici” – conversazioni shakespeariane di Luigi Giannitrapani 2018

“Paralleli Tragici” – conversazioni shakespeariane di Luigi Giannitrapani 2018

Paralleli Tragici

conversazioni shakespeariane di Luigi Giannitrapani

Via del Seminario 10, quarto piano, Genova

22 Febbraio 2018 – ore 17.30

Presentazione del volume

Conversazioni Shakespeariane al Museo Biblioteca dell’Attore

di Luigi Giannitrapani, Eidon Edizioni, 2017.

Interviene il prof. Goffredo Miglietta.

Letture di Sara Sorrentino.

Il volume raccoglie i testi delle tre conversazioni tenute da Luigi Giannitrapani

al Museo Biblioteca dell’Attore nel corso del 2017:

Shakespeare e l’Allegoria del Mare“, “Il teatro nel teatro nei drammi di Shakespeare

e “I Sonetti di Shakespeare: Poesia o Dramma?“.

22 Marzo 2018 – ore 17.30

“Dal Teatro Greco a quello di Shakespeare”

Si metteranno a confronto un personaggio del teatro classico: Elettra di Sofocle

con un personaggio del teatro di Shakespeare: Lady Macbeth,

a dimostrazione che, nonostante i venti secoli che intercorrono tra i loro autori,

la rappresentazione dei sentimenti umani è, poeticamente, analoga.

26 Aprile 2018 – ore 17.30

“Da Eschilo a Shelley”

Si metteranno a confronto i drammi di Eschilo e di Shelley che presentano e raccontano

la storia del mito di Prometeo, sottolineandone le differenze sia poetiche che di significato.

17 maggio 2018 – ore 17.30

“Da Marlowe a Goethe (con una breve apparizione di Byron)”

Si illustrerà il dramma di Cristopher Marlow Il Dottor Faust, mettendolo in confronto

con il Faust di Goethe, evidenziando così la nascita di uno dei più importanti miti moderni.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti.

I poeti e il teatro – Mario Luzi

I poeti e il teatro – Mario Luzi

Secondo incontro de “I poeti e il teatro”. Dopo il riuscito incontro dedicato a Camillo Sbarbaro, il 1° febbraio si parla di Mario Luzi.

I POETI E IL TEATRO 2 LUZI

Irena Sendler. La terza madre del ghetto di Varsavia

Irena Sendler. La terza madre del ghetto di Varsavia

Mercoledì 17 gennaio 2018, ore 17.30

Presentazione del volume “Irena Sendler. La terza madre del ghetto di Varsavia”

di Roberto Giordano, Nuvole di Ardesia edizioni, 2017

Incontro con l’Autore e letture di Sara Sorrentino

Saluti del Presidente Eugenio Pallestrini

L’iniziativa fa parte del programma ufficiale del “Giorno della Memoria 2018”.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti

Museo Biblioteca dell’Attore – Via del Seminario, 10 – Genova

Sendler001

“Qui comincia l’avventura…” 100 anni del Signor Bonaventura

“Qui comincia l’avventura…” 100 anni del Signor Bonaventura

Con la mostra che inaugura giovedì 16 novembre alle ore 18.00, il Museo Biblioteca dell’Attore intende celebrare i 100 anni di “vita” del Signor Bonaventura disegnato da Sergio Tofano, in arte Sto.

Era infatti il 28 ottobre 1917 quando il signor Bonaventura, con la sua palandrana rossa e il fido bassotto fece la sua prima apparizione sul Corriere dei Piccoli, piombando maldestramente addosso ad un malcapitato ladro e sulla refurtiva, ottenendo così una medaglia, premio che presto diventerà il famoso milione.

Da allora grandi e piccini per circa cinquant’anni hanno seguito con gioia le rocambolesche avventure di questo simpatico e fortunato personaggio.

I versi in rima baciata che fanno da didascalia ai disegni sono ben più che semplici filastrocche. Un’intera generazione ne ha imparato a memoria i testi che iniziavano immancabilmente con: «Qui comincia l’avventura/sventura/sciagura del signor Bonaventura…».

Nel 1927 il signor Bonaventura dalle tavole del Corriere dei Piccoli sale sulle tavole del palcoscenico. Il personaggio diventa protagonista di sei commedie scritte e interpretate da Tòfano stesso: Qui comincia la sventura del signor Bonaventura (1927), La regina in berlina con Bonaventura staffetta dell’Ambasciatore (1928), Una losca congiura ovvero Barbariccia contro Bonaventura (1929), L’isola dei pappagalli con Bonaventura prigioniero degli antropofagi (1936), Bonaventura veterinario per forza (1948), Bonaventura precettore a corte (1953), mentre nel 1942, con la regia di Tofano, viene realizzato il film Cenerentola e il Signor Bonaventura in cui è Paolo Stoppa l’interprete principale.

La mostra realizzata con i documenti originali conservati nel Fondo Tofano, donato dal figlio Gilberto nel 1979 al Museo Biblioteca dell’Attore, espone la prima tavola pubblicata sul Corriere dei Piccoli, il costume indossato in scena da Tofano, disegni, foto, molte curiosità legate alla figura di Bonaventura e alcuni preziosi volumi.

Accanto al costume di Bonaventura saranno esposti alcuni quadri realizzati dall’artista genovese Carla Albertella ispirati al personaggio ideato da Sto.

Sergio Tòfano (1886-1973) nasce a Roma dove compie gli studi fino a conseguire la Laurea in Lettere. Inizia a lavorare come disegnatore autodidatta, per Il Giornalino della Domenica di Vamba nel 1908 e per Il Corriere dei Piccoli nel 1909; oltre a Bonaventura per il  Corrierino ha creato anche “La Vispa Teresa” (1921) e “Taddeo e Veneranda” (1925). Collabora con diverse riviste, realizza le tavole per Il Cantastorie di Campari e molti altri volumi illustrati.

Come attore esordisce con Ermete Novelli (1909) passando successivamente con Virgilio Talli (1913-1923), in seguito diventa capocomico di numerose compagnie primarie. Ha insegnato all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica di Roma dal 1951 al 1968. Sposato con Rosetta Cavallari (1902-1960) attrice, pittrice, scenografa e costumista ha avuto un figlio, Gilberto.

Lele Luzzati ha detto: “Mi sono sentito dire che ho subito l’influenza di Rouault o di Chagall, di Bakst o delle stampe popolari, ecc., può essere tutto vero; non sta a me giudicare ci sono troppo dentro! Ma so di sicuro che senza Bonaventura non avrei fatto quello che faccio”.

La mostra resterà aperta fino a venerdì 26 gennaio 2018.

Invito Signor Bonaventura 16_11_2017 001

Mercatino di Natale

Mercatino di Natale

ghirlanda-dell-agrifoglio-di-natale-17457426

Mercatino di Natale

da martedì 12 dicembre 2017 fino al 31 gennaio 2018.

Vendita straordinaria dei volumi doppi e delle pubblicazioni del MBA.

Il ricavato verrà destinato all’acquisto di nuovi volumi per la Biblioteca.

Dal lunedì al venerdì 8.30-13.00

e durante gli incontri pomeridiani al

Museo Biblioteca dell’Attore

via del Seminario 10, terzo piano.

 

Leggi tutte le notizie