Close

Museo Biblioteca dell’Attore

Il Museo Biblioteca dell’Attore  ( M.B.A. )  nasce nel 1966 come settore del Teatro Stabile di Genova su iniziativa di Ivo Chiesa, Sandro d’Amico e Luigi Squarzina, per ospitare le carte, i libri e i cimeli teatrali della “famiglia d’arte” Salvini e già nel 1967 riceve in donazione, dall’erede Giuliano Capranica del Grillo, il vastissimo Fondo Adelaide Ristori. La sua prima sede è in piazza Marsala.

Nel 1971 si costituisce in Fondazione denominata “Civico Museo Biblioteca dell’Attore del Teatro Stabile di Genova”; soci Fondatori sono Comune di Genova, Provincia di Genova, Camera di Commercio di Genova e Teatro Stabile di Genova.
Nel 1976 viene riconosciuta la personalità giuridica dell’Ente.
Nel 1982 viene inaugurata alla presenza del Sindaco Fulvio Cerofolini la sede storica della Fondazione a Villetta Serra, appositamente ristrutturata dal Comune di Genova.
Nel 1994 la Regione Liguria riconosce il Museo Biblioteca dell’Attore quale “Istituzione culturale di interesse regionale”.
Nel 2013  il Museo ottiene dal Comune la Nuova Sede di via del Seminario 10.  La attuale sede è più ampia e idonea alle attività museali.
Nel 2014 la camera di Commercio di Genova dichiara di volersi ritirare dalla compagine dei Soci a partire dall’anno successivo.
Nel 2016 il Presidente del Museo Biblioteca dell’Attore  Eugenio Pallestrini,  (presidente dal 2007, vedi voce Presidenti ), ottiene,  con l’approvazione del Rettore della Università di Genova  Paolo Comanducci,  la Convenzione con la Università che istituzionalizza e regola i rapporti tra Università di Genova e Museo.

Il Museo Biblioteca dell’Attore è una fondazione che ha per scopo la diffusione della cultura dello spettacolo e lo studio storico e critico del teatro, dell’arte scenica e delle condizioni dell’attore italiano dall’inizio del sec. XVIII in poi.

Il Museo espone nel suo percorso gli studi di Gilberto Govi, Tommaso Salvini, Sabatino Lopez e Alessandro Fersen e numeroso altro materiale museale.

La Biblioteca è specializzata su teatro drammatico, cinema ed altri aspetti dello spettacolo e annovera ad oggi oltre 45.000 volumi e 1.200 testate di riviste italiane e straniere.

L’ Archivio conserva circa 72 mila autografi; 69 mila fotografie; 1.300 copioni; 4.000 tra bozzetti, figurini, caricature, disegni originali, manifesti, locandine; 62 mila ritagli stampa; 10.000 programmi di sala.

Il Museo possiede, inoltre, una collezione di costumi teatrali fra cui quelli di Adelaide Ristori e quelli appartenuti ad attori come Ermete Zacconi, Lamberto Picasso, Sergio Tofano e Lilla Brignone. Per ragioni di conservazione i costumi sono visibili su appuntamento.

Tra le collezioni del Museo si annovera anche un teatrino di marionette dell’Ottocento, il Teatrino Rissone, appartenuto alla famiglia Rissone e donato da Checco Rissone e Emi De Sica, figlia di Giuditta Rissone e Vittorio De Sica.

Ad oggi i Fondi librari e archivistici, intitolati alle personalità del teatro e della cultura a cui sono appartenuti, sono oltre settanta.

Il museo svolge attività nel campo della cultura dello spettacolo con esposizioni, conferenze, presentazioni di libri e collaborazioni con università, scuole e istituzioni.

Nel 2007 in occasione dei 200 anni dalla nascita di Garibaldi ha collaborato con il Teatro della Tosse e la Compagnia marionettistica Carlo Colla e Figli di Milano che ha messo in scena “Garibaldi l’eroe dei due mondi” spettacolo storico di Carlo II Colla e Eugenio Monti Colla.

Nel 2010 in occasione della visita a Genova del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per la celebrazione del 150° anniversario della partenza dei Mille da Quarto, ha allestito nel Foyer del Teatro Carlo Felice, una mostra dal titolo Adelaide Ristori, Giuseppe Garibaldi e la spedizione dei Mille. In mostra documenti e costumi conservati al Museo Biblioteca dell’Attore nel Fondo Adelaide Ristori.

Nel 2011 in occasione dei 150 anni dell’unità d’Italia ha organizzato la mostra Tommaso Salvini. Un attore patriota nel teatro italiano dell’Ottocento che si è tenuta a Palazzo Ducale.

Nel 2016 il museo ha partecipato alle celebrazioni per i 65 Anni del Teatro Stabile di Genova, che hanno coinciso con i 50 anni della sua istituzione; in questa occasione è stata allestita un’esposizione delle fotografie storiche provenienti dal Teatro Duse, ora acquisite dal museo, è stato presentato il progetto Ormete (progetto di ricerca sulla memoria del teatro) e si è tenuto un convegno, voluto dalla presidenza del museo, sulla nascita del Teatro Stabile di Genova nel 1951.

Tra le più importanti manifestazioni organizzate dal Museo citiamo la mostra L’attore, la maschera, il genovese, dedicata a Gilberto Govi, curata da Eugenio Buonaccorsi e realizzata nella Loggia di Piazza Banchi per il Comune di Genova che ha avuto  31.686 visitatori.

Tra gli altri eventi organizzati dal museo ricordiamo le rassegne di studio “Teatro Documento”, “Teatro e Società” e “Spazio Teatrale”, che hanno riproposto all’attenzione degli studiosi e del pubblico alcune delle più importanti e interessanti messe in scena del Teatro Stabile di Genova.

Interessante anche la partecipazione alla manifestazione su Cervantes, promossa da Casa America, con una esposizione di ex libris, letture della Scuola di recitazione del Teatro Stabile, e una conferenza su Cinema e Don Chisciotte di Marco Salotti.

Tra i lasciti recenti ricordiamo quello del Fondo Lina Volonghi e quello del settore teatrale della biblioteca di Guido Ceronetti.

Per quanto concerne il settore Biblioteca del Museo deve essere ricordato che la contiguità con la Biblioteca Berio ha incrementato le possibilità di comunicazione delle strutture, mentre la contiguità del settore biblioteca dell’Istituto Mazziniano-Museo del Risorgimento pone in risalto gli importanti lasciti teatrali ottocenteschi e il ruolo svolto dal teatro in questo periodo storico.

Ultime Notizie

DPCM 3 novembre 2020

DPCM 3 novembre 2020

In ottemperanza al DPCM 3 novembre 2020
il Museo, la Biblioteca e l’Archivio
resteranno chiusi al pubblico da venerdì 6 novembre
a giovedì 3 dicembre 2020.
Resteranno attivi, via mail e…

Il signor Bonaventura di STO (Sergio Tofano)

Il signor Bonaventura di STO (Sergio Tofano)

Il costume del signor Bonaventura indossato in scena da Sergio Tofano

Il costume del signor Bonaventura indossato in scena da Sergio Tofano – particolare delle scarpe

Sergio Tofano…

Ricordo di Lorenzo Costa

Ricordo di Lorenzo Costa

Il Museo Biblioteca dell’Attore ricorda con stima e affetto Lorenzo Costa, fondatore e direttore del Teatro Garage, figura di rilievo del mondo culturale genovese e membro del suo Comitato…

MuseumWeek 2020

MuseumWeek 2020

Anche il Museo Biblioteca dell’Attore
partecipa alla
Museum Week 2020 / 11 – 17 maggio 2020
#Togetherness #MuseumWeek #MuseumsForCulture
#MuseumsFromHome #StayHome #ShareCulture
11 maggio -…

“I Re di Shakespeare” di Luigi Giannitrapani

“I Re di Shakespeare” di Luigi Giannitrapani

EVENTO RINVIATO
Mercoledì 4 marzo alle 17.30
al Museo Biblioteca dell’Attore
Via del Seminario 10, Genova, quarto piano
riprendono le conversazione shakespeariane
di Luigi…

Leggi tutte le notizie