Close

Mostra Fersen a Roma

Mostra Fersen a Roma

(ANSAmed) ROMA – Polacco, italiano, filosofo, ebreo, profugo, protagonista della guerra di liberazione. E ancora: drammaturgo, attore, regista taeatrale. I volti di Alessandro Fersen sono tanti e diversi: la mostra a lui dedicata, inaugurata al Museo Ebraico di Roma in occasione del festival internazionale di letteratura e cultura ebraica, cerca di metterli tutti in luce. In una piccola sala sono esposte foto, ma anche documenti, bozzetti, libri e scritti di chi Fersen l’ha conosciuto e amato. Come la figlia, Ariela, nata nel 1939 (un anno dopo l’introduzione delle leggi razziali), la quale ricorda: “Ho conosciuto mio padre all’età di sei anni quando, nei primi giorni del 1945, è arrivato a piedi alla casa dei contadini a cui mi aveva affidato tre anni prima. Veniva ad accertarsi che io fossi ancora in vita. (…) L’indomani mattina era scomparso, aveva ripreso il lungo cammino verso Milano per annunciare a mia madre che ero in vita”. “Racchiudere in una mostra la figura di Fersen è quasi impossibile”, ha dichiarato ieri il curatore dell’esposizione, Gian Domenico Ricaldone. “Abbiamo dovuto fare delle scelte”.

Un’attenzione speciale è dedicata a ‘Il grido della terra’, film del 1948, sceneggiato da Fersen, Carlo Levi e Giorgio Prosperi.

“Questa mostra – ha spiegato Ricaldone – è stata anche l’occasione per recuperare dai fondi del Museo Biblioteca dell’Attore di Genova 150 immagini della lavorazione di questo lungometraggio”. Il quale rappresenta uno dei titoli importanti del cinema italiano del dopoguerra: si tratta della prima pellicola che affronta il tema degli ebrei dopo la persecuzione nazifascita e la nascita dello Stato d’Israele. Oltre a sceneggiarlo, Fersen interpreta anche un ruolo, quello del rabbino. Colpisce notare, leggendo i pannelli che accompagnano tutta la mostra, che solo tre anni prima la realizzazione de ‘Il grido della terra’, Fersen, su richiesta di Sandro Pertini, era stato nominato segretario generale del Comitato di Liberazione nazionale (Cnl) della Liguria. Un altro dei cento, mille volti di questa incredibile personalità. La mostra è visitabile fino al 17 novembre. (ANSAmed)

© Copyright ANSA – Tutti i diritti riservati – 16 settembre 2014

Leggi tutte le notizie