Close

Notizie

“Guido Lopez in mano (1924-2024)” in mostra al MBA

“Guido Lopez in mano (1924-2024)” in mostra al MBA

La mostra
“Guido Lopez in mano (1924-2024)”
inaugurata il 22 maggio 2024

sarà visitabile fino al 13 settembre 2024 con i seguenti orari:
lunedì, mercoledì e giovedì dalle 9.00 alle 16.00
martedì e venerdì dalle 9.00 alle 14.00.

La mostra sarà inoltre visibile in occasione delle iniziative pomeridiane
organizzate/ospitate dal MBA.

Possibilità di concordare visite guidate per gruppi
contattare segreteria@cmba.it o 0105576085

“Tre tempi, tre maniere” è il titolo di una fra le commedie di Sabatino Lopez ed è una parafrasi di questa famiglia; il padre e due figli che, su scenari differenti, hanno contraddistinto una matrice culturale italiana ed ebraica attraverso tutto lo specchio del Novecento.

Sabatino, il padre livornese, non solo commediografo, ma anche critico teatrale e direttore della Società Italiana degli Autori, visse a Genova nelle prime decadi del secolo; qui, fra gli altri, ha creato il suo proverbiale Giobatta Parodi, personaggio identitario del palcoscenico di Gilberto Govi.

Roberto, il figlio maggiore genovese, storico medievista insigne in cattedra a Yale, ha dato alla città l’interpretazione del suo più fulgido periodo, cominciando dalla riscoperta di Benedetto Zaccaria, mercante e navigatore protagonista dell’egemonia commerciale della Lanterna su tutto il Mediterraneo e il Mar Nero.

Guido
, di cui corre il centenario della nascita, è il milanese dei tre, e a lui si deve il racconto della sua città, attraverso testi sempre presenti nelle librerie, come “Milano in mano” guida non solo per vie e piazze, bensì attraverso i personaggi e i racconti, sulla traccia fraterno mantra: “Non le case dai bei tetti, non le pietre di mura ben costruite, non i canali né le banchine fanno la città, ma gli uomini capaci di sfruttare l’occasione.” A Guido si deve il trasferimento del fondo archivistico del padre al M.B.A. e il supporto alla valorizzazione del lavoro di Roberto per Genova.

«400 volte (+1) Shakespeare» – “Il First Folio” del 1623

«400 volte (+1) Shakespeare» – “Il First Folio” del 1623

Prossimi incontri:
26 settembre, «Shakespeare e l’Italia», 
10 e il 23 ottobre, «Il mare nell’opera di Shakespeare»,
relatori Mauro Canova, Roberto Trovato e Luigi Giannitrapani,

Giovedì 2 maggio, alle 17.30, al Museo Biblioteca dell’Attore,
inizia il ciclo di cinque incontri
«400 volte (+1) Shakespeare»
ideato e organizzato da Stefano Termanini Editore e dal Museo Biblioteca dell’Attore
in collaborazione con la Biblioteca Universitaria di Padova.

Il ciclo, che si richiama al quattrocentesimo anniversario della stampa del “First Folio” (1623), la prima edizione delle opere di Shakespeare, inizia con una lezione-conversazione con Lavinia Prosdocimi, già responsabile della Sezione manoscritti e libri rari della Biblioteca Universitaria di Padova, ove si conserva la sola copia del “First Folio” presente in Italia.

Era il 1623 quando John Heminges e Henry Condell, attori della compagnia di cui William Shakespeare era impresario, regista e autore, curarono la prima edizione delle «Comedies, histories & tragedies», stampata presso Edward Blount e Isaac Jaggard: il “First Folio”. Da allora sono passati 401 anni.

«Il titolo del ciclo– spiega Stefano Termanini, editore, ideatore e organizzatore del ciclo, con il Museo Biblioteca dell’Attore di Genova – prende spunto dai 401 anni trascorsi da quando due amici e sodali di Shakespeare, Heminges e Condell, consegnando alle stampe e quindi ai posteri il corpus shakespeariano, lo salvarono dal rischio della dispersione. Delle 36 opere di Shakespeare comprese nel First Folio, 18 furono stampate allora per la prima volta. Ci è parso importante che anche a Genova questo straordinario anniversario fosse celebrato, sia per il suo ruolo di Capitale Italiana del Libro 2023 sia per i legami e gli intrecci che saldano Genova e Shakespeare al mare».

Il First Folio fu stampato in circa 750 copie, di cui soltanto 233 sono sopravvissute. In Italia se ne conserva una copia soltanto, presso la Biblioteca Universitaria di Padova. Usato come prompt-book da una compagnia teatrale, il “First Folio” padovano ha una propria storia, che si lega ai commerci e agli scambi culturali che ponevano Venezia e la sua Terraferma al centro del mondo.

Del First Folio padovano, della sua storia e delle sue caratteristiche peculiari, riferirà, nel primo incontro del ciclo «400 volte (+1) Shakespeare» Lavinia Prosdocimi, già della Sezione manoscritti e libri rari della Biblioteca Universitaria di Padova, il 2 maggio prossimo, alle ore 17,30, presso il Museo Biblioteca dell’Attore di Genova. Interverranno Eugenio Pallestrini, Presidente del Museo Biblioteca dell’Attore, Luigi Giannitrapani, autore del recentissimo volume «Shakespeare e il richiamo del mare» e Stefano Termanini, editore.

Seguiranno gli incontri del 5 giugno, con Pierangelo Campodonico, direttore del MuMA, Museo del Mare di Genova, che parlerà su «Shakespeare e l’alba del dominio inglese sui mari» e Luigi Giannitrapani, che racconterà del legame, sia metaforico che narrativo, di Shakespeare con il mare e del 26 settembre, su «Shakespeare e l’Italia», con Mauro Canova, Roberto Trovato e Luigi Giannitrapani.
Due altri incontri, infine, il 10 e il 23 ottobre, saranno dedicati a «Il mare nell’opera di Shakespeare», relatori Mauro Canova, Roberto Trovato e Luigi Giannitrapani, e offriranno occasioni di misurarsi direttamente con i testi di Shakespeare, di cui si presenteranno letture guidate.

Il mare, ha spiegato Luigi Giannitrapani nel suo libro, è per Shakespeare, uno dei “luoghi” in cui si esprimono l’imprevedibile e l’avventura.
È, d’altra parte, la più suggestiva metafora con cui rappresentare la mutevolezza dell’animo umano.

I nostri “corti”

I nostri “corti”

Da oggi saranno visibili dei brevi video
in cui raccontiamo alcuni aspetti delle nostre collezioni e delle nostre attività principali.

Un modo per essere “vicini” in questo periodo
e per farci conoscere sempre di più.

Guarda il primo video dedicato alla Biblioteca

Guarda il secondo video dedicato ad Adelaide Ristori

Guarda il terzo video dedicato all’Archivio – prima parte

Guarda il quarto video dedicato all’Archivio – seconda parte

Guarda il quinto video dedicato a Lina Volonghi

Guarda il sesto video dedicato ai Fondatori

Gilberto Govi su Rai Play

Gilberto Govi su Rai Play

Gilberto Govi 
raccontato in una puntata di “Apprendisti Stregoni”
intitolata “Io, Govi e lei” prodotta da RAI 5
[St 2024 – Episodio 1 – 71 minuti]

La puntata andata in onda il 6 gennaio 2024
si può rivedere su Rai Play a questo link
Raiplay “Io, Govi e lei”

Video, interviste, curiosità e il Museo dell’Attore che conserva lo Studio e l’Archivio di Govi

Adelaide Ristori su Rai Storia

Adelaide Ristori su Rai Storia

“Italiani. Adelaide Ristori”
La vita personale e professionale di Adelaide Ristori,
prima grande diva internazionale del teatro italiano, simbolo di italianità

La puntata andata in onda su
RAI STORIA
mercoledì 19 gennaio 2022
è sempre disponibile su Raiplay

Vedi la puntata su RaiPlay

Prima TV per Rai
di Giancarlo Mancini
regia Leonardo Sicurello
con Alvia Reale
produttore esecutivo Annalisa Vasselli

Online i video – “I Re di Shakespeare” di Luigi Giannitrapani

Online i video – “I Re di Shakespeare” di Luigi Giannitrapani

Iniziative online del Museo Biblioteca dell’Attore

“I Re di Shakespeare”
conversazioni di Luigi Giannitrapani

La Storia dell’Inghilterra è la storia della sua monarchia e dei suoi Re. Shakespeare rappresenta soprattutto dei Re medievali, vissuti in un periodo storico in cui il Re era un guerriero, un soldato che, con la forza della sua personalità e del suo coraggio, manteneva il suo potere
o lo conquistava, se necessario.

———-
video disponibile da mercoledì 16 dicembre 2020

Presentazione del ciclo di conversazioni
Vedi il video di presentazione
———-

video disponibile da lunedì 21 dicembre 2020

La Tragedia del Re Riccardo II
Quali sono le conseguenze del regno di un re legittimo ma totalmente inadeguato
a coprire il suo ruolo?
Vedi il video su Riccardo II
———–
video disponibile da lunedì 18 gennaio 2021

La Vita del Re Enrico V
Un grande ed eroico re può anche essere considerato un criminale di guerra?
Vedi il video su Enrico V – prima parte
Vedi il video su Enrico V – seconda parte
———-
video disponibile da lunedì 1 febbraio 2021

La Tragedia del Re Riccardo III
L’ambizione e il desiderio del potere possono trasformare un uomo in un mostro?

Vedi il video su Riccardo III – prima parte
Vedi il video su Riccardo III – seconda parte
———-

I video saranno comunque sempre disponibili in questa pagina.

“Solchi in ombra” di Marina Orsini

“Solchi in ombra” di Marina Orsini

Giovedì 20 giugno 2024, ore 17.30
al Museo Biblioteca dell’Attore
Via del Seminario 10, Genova, quarto piano

Presentazione del volume
“SOLCHI IN OMBRA”
di Marina ORSINI
il canneto editore, 2023

Introduce il Presidente MBA
Eugenio PALLESTRINI

Dialoga con l’Autrice e modera l’incontro
Stefano VERDINO

Ad un anno dalla pubblicazione l’Autrice dialoga con i lettori.

Il libro
Marta, Paolo, Domenico e Ada sono i protagonisti di questo racconto a più voci. Ma accanto a loro la vera protagonista è la forza distruttiva della vita che, come l’acqua nelle inondazioni, può scavare solchi che deviano il fluire naturale degli eventi. Solchi dove, comunque, possono radicarsi, in seguito, legami profondi. Le vicende si dipanano dal secondo dopoguerra al 2006, tranne quella di Paolo – ragazzo sedicenne che ama videogiochi e manga – che si snoda in sole 36 ore. Quel sabato notte del 2006 sarà per lui un vero e proprio rito di passaggio verso l’età adulta. Nulla sarà come prima. Capirà che nella vita reale nessun “avatar” rischia per lui e nessun “game over” può riportarlo indietro.

L’Autrice
Marina Orsini è nata e vive a Genova, dove si è laureata in Giurisprudenza e si è specializzata in Criminologia. È magistrato dal 1986. Con questo romanzo d’esordio torna a dedicarsi alla sua giovanile passione per la scrittura.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti
Info: 0105576085 – segreteria@cmba.it

Cover-9791280239679

Shakespeare 400 volte (+1)

Shakespeare 400 volte (+1)

Nell’ambito del ciclo di incontri dedicati ai 400 (+1) anni
dalla pubblicazione del “First Folio” su Shakespeare

mercoledì 5 giugno 2024, ore 17.30
al Museo Biblioteca dell’Attore
Via del Seminario 10, Genova, quarto piano

si terrà il secondo incontro con la partecipazione di

Pierangelo CAMPODONICO, Direttore Mu.MA.
Shakespeare e l’alba del dominio inglese sui mari

Luigi GIANNITRAPANI
Shakespeare e il richiamo del mare

Interviene Stefano TERMANINI

Introduzione e saluti
Eugenio PALLESTRINI, Presidente MBA

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti.

I prossimi incontri del ciclo “400 (+1)” si terranno sempre al Museo dell’Attore
giovedì 26 settembre 2024
giovedì 10 ottobre 2024
mercoledì 23 ottobre 2024

Adelaide Ristori a Roma

Adelaide Ristori a Roma

Giovedì 30 maggio 2024, ore 17.00
al Teatro Argentina, Sala Squarzina

“Adelaide Ristori. Una donna tra il teatro, la politica e la moda”

Conduce
ANTONIO AUDINO

Intervengono
ALESSANDRO TINTERRI
MATTEO D’AMICO

Letture sceniche
ANTONIO BANNO’, MARTINA MASSARO, SYLVIA MILTON

a cura di
ROBERTO GANDINI

Esposizione di una riproduzione del costume per la Medea di Legouvé (1856)
reinterpretato da Francesca D’Angelo e Maria Bruni
allieve dell’Istituto Europeo di Design – IED

Vai al sito del Teatro di Roma

Ristori a Roma 2024

Alla riscoperta di Ernesto Calindri

Alla riscoperta di Ernesto Calindri

Mercoledì 29 maggio 2024, ore 17.30
al Museo Biblioteca dell’Attore, Via del Seminario 10, Genova, quarto piano

Presentazione del volume
“Raramente ho scritto Teatro senza la maiuscola”
di Mauro Ballerini
Photo Travel Editore, 2023

Alla presenza dell’Autore

Ernesto Calindri per te è solo il volto di un celebre Carosello? Sei decisamente fuori strada! Lo identifichi forse con la commedia umoristica? Lo conosci ben poco! In queste pagine avrai modo di scoprire un Calindri davvero inedito: attore drammatico, interprete del teatro classico e di testi d’avanguardia; il capocomico di successo e il regista di innumerevoli produzioni. Scoprirai il direttore artistico con una vocazione alla sperimentazione e il talent scout di giovani attori e autori. Conoscerai il docente di recitazione, il conduttore tv dì programmi cuciti su di lui. Toccherai con mano l’uomo (il bambino, il ragazzo, i suoi esordi, le sue paure), il padre, l’amico, il maestro, l’emblema di un teatro antico e, allo stesso tempo, il simbolo di un vecchio dalle inesauribili risorse. La sua storia sarà un modo per rileggere la storia del teatro italiano del ‘900 a partire dal Grand’attore e le Compagnie di giro, per giungere al teatro di regia e alla politicizzazione delle scene. Grazie a quest’uomo, che può vantare 70 anni di carriera, avrai modo di ripercorrere la storia d’Italia dal Fascismo a Tangentopoli, dal mito mussoliniano alle spie dell’Ovra, dalla censura di Regime al bigottismo democristiano, dagli anni fiduciosi del dopoguerra a quelli del sovvertimento sessantottino fino agli anni di piombo. Calindri è immerso in tutti questi eventi e involontariamente ce li racconta attraverso la sua vita. E cosi rivedremo la nascita della tv e lo sbarco sulla Luna, l’invasione dell’Ungheria e la lotta referendaria sul divorzio. Calindri però non nasce dal nulla; lo precedono generazioni di attori, artisti, capocomici e prime donne: sono i suoi genitori, i suoi nonni, i suoi avi… una lunga e affascinante avventura artistica che il tempo aveva definitivamente cancellato ma che andava assolutamente riscoperta.
Un decennale lavoro di ricerca che vuole conciliare in sé il rigore storico alla piacevolezza narrativa, la scientificità del dato all’ineffabilità del sentimento.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti.

Leggi tutte le notizie