Close

Attività e Notizie

“L’uomo dei sogni” di Luca Mauceri

“L’uomo dei sogni” di Luca Mauceri

Mercoledì 23 ottobre 2019, alle 17.30
al Museo Biblioteca dell’Attore, via del Seminario 10, Genova, quarto piano

presentazione/spettacolo de
“L’uomo dei sogni”
di e con Luca Mauceri

In collaborazione con Libreria San Paolo di Genova

Dopo il successo dell’omonimo spettacolo teatrale, arriva un libro intenso e profondo, una meditazione contemporanea per voce sola, una narrazione in cui Luca Mauceri si racconta portando con sé come bussola le parole di san Francesco.

Dall’introduzione di Massimo Orlandi:
“Nella prima parte del libro Luca ci fa capire come l’incontro con Francesco, nato da una commissione teatrale inattesa, abbia subito preso la piega di un faccia a faccia. La profezia di un santo è tutta qui: nella sua capacità di parlare la lingua della vita, e quella lingua spezza il tempo, entra in ogni spazio. Luca si è ritrovato quel vento di semplicità, di autenticità, di amore vivo proveniente dal Medio evo di Francesco nelle pieghe del suo quotidiano.

Perché viviamo? Cosa ci dà senso? Cosa ci stiamo perdendo, travolti dal treno in corsa di questa modernità? Cosa possiamo fare per ritrovarci? In che modo possiamo salvare la bellezza che ci circonda e ci abita? Sulla scia di quel vento, Luca ha accettato di mettersi dentro a queste domande per intero. Ci ha messo la sua sensibilità, ci ha messo la sua creatività, ci ha messo il suo mondo di affetti. E ha scattato una fotografia del suo mondo interiore, raccontato alla luce di Francesco.”

La seconda parte del libro, invece, contiene il testo teatrale che da un anno circa va in scena.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti.

Bepi Caroli Portraits

Bepi Caroli Portraits

BEPI CAROLI PORTRAITS
Mostra fotografica a cura di Angela Ferrari e Flaminia Caroli

Il Festival Nuovo Cinema Europa rende omaggio al fotografo genovese Bepi Caroli, a pochi mesi dalla sua scomparsa, con una mostra che porta in scena i ritratti di cui amava circondarsi nel salotto di casa, per rivivere insieme la magia e l’intensità delle sue fotografie in bianco e nero.
La mostra, evento di apertura della decima edizione, verrà inaugurata a Genova
venerdì 11 ottobre alle ore 18.00
al Museo Biblioteca dell’Attore, in via del Seminario 10, quarto piano.

Interverranno la figlia Flaminia Caroli, il Presidente del Museo Eugenio Pallestrini,
Giorgio Gallione e Beppe Veruggio, storici colleghi e amici di Bepi.

Per quasi 40 anni fotografo di scena e ritrattista a teatro e al cinema, Bepi Caroli ha fotografato e lavorato con i più importanti attori e registi italiani e stranieri come Vittorio Gassman, Giorgio Gaber, Alberto Lionello, Erica Blanc, Gastone Moschin, Peppino Patroni Griffi, Ugo Tognazzi, Mariangela Melato, Renzo Montagnani, Eros Pagni, Luca Barbareschi, David Mamet, Giorgio Strehler, Paolo Villaggio, Fabrizio de André, Raimondo Vianello, Cochi e Renato, Enzo Jannacci, Giorgio Gallione, Marco Sciaccaluga, Marco Tutino, Luca Ronconi, Dario Fo, José Saramago, Milena Canonero, Elisabetta Pozzi, Piero Maccarinelli, Giuseppe Manfridi, Gianmarco Tognazzi, Riki Tognazzi,Michele Riondino, Valerio Binasco,Guido Fiorato, Andrea Viotti, Sergio Castellitto, Margaret Mazzantini, Luca Zingaretti, Sergio Rubini, Alessio Boni, Lucio Dalla, Milva, Crosby Still & Nash, Roman Polansky, Vanessa Redgrave, Ornella Muti, Stefania Sandrelli, Claudia Cardinale, Nancy Brilli, Margot Hemingway, Moana Pozzi, Elena Santarelli, Andrea Osvart, Anna Galiena, Lina Wertmuller, Giuliana De Sio, Giovanna Mezzogiorno e Claudia Gerini, solo per citarne alcuni.

La mostra, a ingresso libero, sarà visitabile fino al 15 novembre, nei seguenti orari:
martedì e venerdì ore 9.00 – 14.00 / lunedì, mercoledì e giovedì ore 9.00 – 16.00.

INFO:
Museo Biblioteca dell’Attore / tel. 010 5576085
Festival Nuovo Cinema Europa / tel. 010 8567448

Luca Ronconi e «quelli dell’Orlando»

Luca Ronconi e «quelli dell’Orlando»

Giovedì 17 ottobre 2019, ore 17.30
al Museo Biblioteca dell’Attore
Via del Seminario 10, Genova, quarto piano

Presentazione del volume di
Stefano Tomassini

New York Furioso. Luca Ronconi e «quelli dell’Orlando»
a Bryant Park (1970)

Marsilio Editore, 2018

Presentano il volume
Simona Morando e Franco Vazzoler
alla presenza dell’Autore

In collaborazione con
DIRAAS – Università di Genova

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti

Paola Gassman al Museo dell’Attore per “Libri al Museo”

Paola Gassman al Museo dell’Attore per “Libri al Museo”

Mercoledì 9 ottobre 2019, ore 17.45
al Museo Biblioteca dell’Attore
Via del Seminario 10, Genova, quarto piano

Presentazione del volume
Una grande famiglia dietro le spalle
di Paola Gassman
Marsilio Editore

L’Autrice converserà con Livia Cavaglieri

“Te lo avevo promesso, ricordi papà, che ci avrei provato, tanti anni fa. Mi sarei sforzata. Per questo sono qui e mi sforzo di farcela. Anche se, devi ammetterlo, oggi più che mai, sembra davvero impossibile questa impresa, privata com’è dei suoi punti di riferimento più importanti. Eppure sono sicura che tu non ti arrenderesti, anzi ti sembrerebbe ancora più stimolante. Anch’io voglio credere che lo sia. Ce la metterò tutta. Ti stupirò. O molto più semplicemente mi sforzerò di farti contento”. Paola Gassman inizia così, come se parlasse ad alta voce al celebre padre Vittorio, di cui ha seguito le orme diventando attrice teatrale, la straordinaria storia della sua famiglia. I suoi ricordi partono da lontano: dalla Germania, patria d’origine del nonno Enrico, che nel 1920 decise di fare un viaggio a piedi fino in Italia perché proprio in Italia voleva incontrare la donna da sposare. E proseguono con il nonno Renzo Ricci e Ermete Zacconi, con l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica, con importanti figure del cinema e del teatro italiano, fino alle mogli. Gassman infatti ha sposato solo attrici: Nora Ricci, la madre di Paola, Shelley Winters, la madre di Vittoria, Diletta D’Andrea, la madre di Jacopo, e Juliette Maynel, la madre di Alessandro, anche lui attore. Tra successi, amori, divorzi, figli e amicizie un grande affresco di storia dello spettacolo.

Evento in collaborazione con DIRAAS – Università di Genova

Con la presentazione di questa “Straordinaria storia di tre generazioni di attori” raccontata in prima persona da Paola Gassman si inaugura la rassegna “Libri al Museo” che vedrà ogni mese la presentazione di un volume per la cui redazione si è fatto riferimento alle raccolte conservate al Museo Biblioteca dell’Attore.

Vito Pandolfi, Orazio Costa, Lilla Brignone, Umberto Orsini, Gustavo Modena, L’Arialda di Testori/Visconti, Guido Salvini e Alessandro Fersen saranno gli argomenti dei prossimi incontri.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti
Info: Museo dell’Attore – tel. 0105576085 – segreteria@cmba.it

Ceronetti, un ricordo

Ceronetti, un ricordo

Conoscevo da tempo l’opera letteraria di Guido Ceronetti che apprezzavo per la qualità della scrittura, la grande erudizione, l’ironia e la assoluta singolarità e genialità di visione della realtà contemporanea. Per questo fui davvero entusiasta quando Tonino Conte e Maria De Barbieri mi telefonarono per comunicarmi che Ceronetti voleva lasciare al Museo Biblioteca dell’Attore di Genova la sua biblioteca teatrale e che desiderava un incontro per discutere le modalità del lascito. Partii subito per Cetona con Gian Domenico Ricaldone e mio figlio Francesco che ci conduceva all’incontro con il Maestro. Ci accolse con grande naturalezza e furono due giorni indimenticabili di colloqui e visite a quello che era il suo disordinatissimo archivio personale collocato in un deposito dove i suoi ricordi teatrali erano conservati o meglio accatastati in un particolare ordine mnemonico. Lui allora li fece rivivere nel suo Teatro e nella sua opera suonando su una pianola o organetto ambulante, cantando e recitando in tutte le innumeri lingue che conosceva ed esibendosi per noi in un indimenticabile e affascinante spettacolo privato. Naturalmente al rispetto e alla ammirazione fece seguito una affettuosa amicizia che ha legato in questi anni tutti noi del Museo a questo uomo straordinario che sorprendeva per la vastità dello spirito e per la fragilità della età e della corporatura. Paola, Danila e Gian Domenico hanno mantenuto con lui complicati contatti telefonici ed anche recentemente sono andati a trovarlo a Cetona. Dovevamo fare ancora una sua rappresentazione, ma purtroppo la faremo senza la sua presenza. Gli siamo però ancora riconoscenti per essere venuto da noi a Genova per dirigere un suo straordinario spettacolo nelle sale del Museo; un grande successo e credo che tutti i presenti, tra i quali molti dei rappresentanti ufficiali della cultura letteraria e teatrale della nostra Città, abbiano allora ben percepito quanto eccezionale e unico sia stato quell’ evento. Ci mancherà caro e grande Maestro, Le vogliamo e vorremo bene e ci piace pensare ad un suo spirito liberato dalle affaticanti limitazioni naturali e pronto a proseguire e ad approfondire senza vincoli il cammino dei suoi interessi umani e culturali.

Eugenio Pallestrini

Prorogata la mostra fotografica di Giorgio Bergami

Prorogata la mostra fotografica di Giorgio Bergami

PROROGA DELLA MOSTRA FOTOGRAFICA

Lo “spettacolo” di Giorgio Bergami. Luzzati & Co.

a cura di Maria Deidda e Gian Domenico Ricaldone
con la collaborazione di Lucia D’Angelo

La mostra resterà aperta fino a venerdì 4 ottobre 2019
Lunedì, mercoledì e giovedì 9.00/16.00; martedì e venerdì 9.00/13.00
Ingresso gratuito

Evento collaterale della mostrae
“Labirinto Luzzati”, Palazzo Ducale, Sottoporticato, 1 giugno – 3 novembre 2019

Mostra Bergami Foto 1

Aldo Trionfo, Emanuele Luzzati e Tonino Conte [1970] – Foto Giorgio Bergami

Lele Luzzati e Giorgio Bergami, amici dagli anni Sessanta, sono i protagonisti della mostra fotografica Lo “spettacolo” di Giorgio Bergami. Luzzati & Co. La mostra – realizzata grazie al recupero di oltre 200 stampe nell’archivio del fotografo e della Publifoto Genova, utilizzate nel 2007 per l’esposizione Parole degli occhi – parte dai ritratti e dai lavori di Luzzati scenografo per condurci in un viaggio tra palcoscenico e vita di registi, attori, cantanti e divi di Hollywood che hanno frequentato Genova e la Liguria.
Allestita nella sala al quarto piano del Museo dell’Attore – dove trova spazio anche lo studio di Alessandro Fersen, altro amico di una vita di Luzzati – ci fa avere un assaggio, pur se limitato al mondo dello spettacolo, della ricchezza del lavoro prodotto in oltre sessanta anni di intensa attività da Giorgio Bergami. In questa occasione infatti “spettacolo” è usato nel doppio significato di “rappresentazione” ma anche di “vista straordinaria”, quella del mondo fotografato da Bergami.
Il rapporto di Giorgio Bergami con il teatro è stato sempre strettissimo tanto da far dire a Tonino Conte “il teatro è stato la sua vita” e da vederlo persino promotore nel 1966 della Compagnia asociale del Teatrogruppo.
L’occasione ci offre anche la possibilità di riportare l’attenzione della Città e delle Istituzioni sul valore culturale dell’archivio di Giorgio Bergami e della Publifoto Genova che rischia di andare disperso.

Fuori Formato 2019

Fuori Formato 2019

Venerdì 28 giugno, ore 17.30
al Museo Biblioteca dell’Attore

VIDEODANZA: PROIEZIONI DAL REALE
Tavola rotonda con i giurati di Stories We Dance
Ariadne Mikou, Federica Loredan, Arianna Sortino e Matteo Bernardini

Nell’ambito di “Fuori Formato”, Festival Internazionale, quarta edizione.

Fuori formato org

Gruppo di Lettura MBA

Gruppo di Lettura MBA

Gruppo di Lettura MBA

La voce degli archivi

Primo incontro

giovedì 25 Ottobre 2018 – orario 14.30 – 16.00

Via del Seminario 10 – Genova – tel 010.5576085

Coordina il gruppo Patrizia Ercole[1]

Calendario incontri:

2°      giovedì 15 Novembre 2018 – orario 14.30 – 16.00

3°      giovedì 6 Dicembre 2018 – orario 14.30 – 16.00

4°      giovedì 10 Gennaio 2019 – orario 14.30 – 16.00

5°      giovedì 21 Febbraio 2019 – orario 14.30 – 16.00

6°      giovedì 21 Marzo 2019 – orario 14.30 – 16.00

7°      giovedì 11 Aprile 2019 – orario 14.30 – 16.00

8°      giovedì 2 Maggio 2019 – orario 14.30 – 16.00

Autore che verrà letto e commentato: Achille Campanile

Che cos’è un gruppo di lettura (GdL) ?

Un GdL è formato da persone che leggono in privato un libro scelto in comune.

La lettura viene poi condivisa: si parla del libro, se ne approfondiscono i temi,

si condividono le emozioni provate.

Il GdL valorizza la lettura e la discussione come strumento di apertura agli altri

e di dialogo tra diverse visioni e scritture del mondo.

La partecipazione è libera, gratuita e aperta a tutti.

[1] Patrizia Ercole, attrice e regista-pedagoga diplomata alla Scuola di Recitazione del Teatro Stabile di Genova nel 1986. Si è laureata in Scienze pedagogiche e dell’educazione con lode, discutendo una tesi su Educare alla teatralità. Dal 1996 si occupa prevalentemente di regia curando spettacoli di teatro e opere musicali rivolte ai bambini e ragazzi.

Leggi tutte le notizie